Lavori a Villa Desideri: prevista la realizzazione di un teatro e di uno spazio espositivo, interventi di recupero esterno anche alla Biblioteca Comunale e al Ninfeo

Un teatro e uno spazio espositivo di capacità adeguate per la città, facilmente raggiungibile e utilizzabile, che costituisca il cuore pulsante di manifestazioni, eventi culturali ed enogastronomici. E’ quanto nel prossimo febbraio sarà a disposizione della Città di Marino all’interno di Villa Desideri. A comunicarlo è il vice sindaco Fabrizio De Santis che informa come l’opera, i cui lavori hanno preso il via subito dopo l’89ma edizione della Sagra dell’Uva, sia realizzata grazie al finanziamento ottenuto nell’ambito del POR FESR Lazio 2007/2013, Asse V – Attività V1.

La struttura sulla quale sono stati indirizzati i fondi europei messi a disposizione dalla Regione Lazio in contesto bandi «Plus – piano locale urbano di sviluppo», era già preesistente all’interno del Parco dagli anni ’80 e in stato di fatiscenza. Sarà oggetto di totale ristrutturazione, esterna ed interna.

In contemporanea, informa ancora De Santis, in esecuzione del Piano del Colore inserito nel progetto finanziato anch’esso con i fondi europei, anche la Biblioteca Comunale Vittoria Colonna è in questi giorni oggetto di interventi di recupero con adeguamento generale esterno e, nel periodo di esecuzione dei lavori, sarà chiusa al pubblico. In tale lasso di tempo si provvederà all’attività di riordino interno e catalogazione libraria. In fase di ripristino, fa sapere ancora il vice sindaco, anche il Ninfeo di Villa Desideri.

«Questo progetto – afferma il vice sindaco – non è solo una riqualificazione di fattori di degrado e di spazi destinati alla collettività ma, funzionale alla strategia di recupero urbano che si focalizza sull’aspetto edilizio e logistico, funge da leva primaria per incrementare il flusso turistico culturale. Un nuovo teatro – afferma – è anche utile ad incrementare l’occupazione nel settore culturale. I locali, inoltre – evidenzia De Santis – una volta ristrutturati e messi a disposizione per manifestazioni ed eventi, porteranno al loro interno migliaia di persone che avranno modo così di visitare la nostra città e prendere contatto con il suo settore storico-culturale ed economico-produttivo».

«Il programma Plus è un risultato eccellente per la nostra città oltre che un’opportunità importante per la sua valorizzazione» conclude il vice sindaco ringraziando la Regione Lazio per l’attenzione alle politiche di sviluppo del territorio e gli Uffici comunali per la preziosa e professionale collaborazione.

Annunci

PLUS: ATTUAZIONE PIANO DEL COLORE – Recupero facciate Palazzo Colonna, Biblioteca Comunale Vittoria Colonna, Ninfeo e muro di recinzione di Villa Desideri

Continua l’opera di valorizzazione del territorio e del suo patrimonio storico, artistico e culturale avviata dal Comune di Marino grazie ai fondi europei messi a disposizione dalla Regione Lazio in contesto bandi PLUS – piano locale urbano di sviluppo – e realizzata nell’ambito del POR FESR Lazio 2007/2013, Asse V – Attività V1.

Ad entrare in gioco è questa volta il Piano del Colore che prevede interventi su immobili di proprietà comunale di elevato valore storico architettonico.

Interessate dal progetto redatto e diretto dall’architetto Emanuela Lauri, le facciate (esterne ed interne al perimetro del cortile) di Palazzo Colonna, sede dell’Amministrazione comunale, simbolo e immagine della città.

Poi la facciata della biblioteca comunale Vittoria Colonna che conta un patrimonio librario di 23mila volumi (di cui oltre 3mila per ragazzi) ed è sede del Centro di Documentazione Locale del territorio castellano, custodendo documenti e immagini che testimoniano eventi, personaggi, cultura e tradizioni del Comune di Marino e dei comuni dei Castelli Romani. Al suo interno più di 1500 audio-libri di letteratura mondiale, utili per ciechi e ipovedenti.

Comprese nel progetto di recupero inserito nel PLUS anche le facciate del Ninfeo e il muro di recinzione di Villa Desideri.

«Gli interventi in programma, alcuni dei quali già avviati – spiega il vice sindaco Fabrizio De Santis – hanno come obiettivo primario la riqualificazione dell’immagine della città. Le aree interessate dalle opere di riqualificazione – continua – rappresentano il nucleo della vita sociale, commerciale e culturale della nostra città oltre che i luoghi dove hanno sede le più importanti manifestazioni. Beneficiaria ne sarà tutta la comunità marinese. Questo perché la valorizzazione e il recupero del centro storico, uno dei punti prioritari del nostro programma di governo in ambito urbanistico – afferma ancora – va intesa anche quale strumento grazie al quale riscoprire l’originario linguaggio culturale della città di Marino, in cui tutti possono recuperare il valore della storia come fattore della propria identità».

Incentivi per la riqualificazione delle Cantine e delle Botteghe Storiche

Il PLUS di Marino così come approvato con D. D. B03110 prevede 13 interventi sinergici tra cui l’intervento n. 12 intitolato “Incentivi per la riqualificazione delle cantine e delle botteghe storiche”, da realizzarsi mediante la concessione di contributi a fondo perduto a favore di progetti imprenditoriali, a cui concorre un Fondo di Garanzia denominato “Fondo di Garanzia per le PMI interessate dai PLUS” – istituito con la Deliberazione di Giunta Regionale n. 212 del 18/05/2012 e gestito da Unionfidi Lazio S.p.A., Società regionale di Garanzia Fidi – per favorire la realizzazione ed il completamento dei progetti imprenditoriali delle PMI attraverso garanzie su finanziamenti bancari.
L’intervento per la riqualificazione delle cantine e botteghe storiche ha come obiettivo il rafforzamento dell’identità territoriale e il riconoscimento, da parte dei turisti, di una realtà socio – culturale originale e pregiata. Piu’ precisamente si intende salvaguardare, promuovere e sostenere le attività economiche,commerciali ed artigianali tradizionalmente presenti sul territorio oltre ad incrementare l’attrattività dell’area, valorizzandone i piatti tipici della tradizione popolare e sviluppando il turismo enogastronomico.
Già da ottobre 2010 è stato istituito un albo delle botteghe storiche del Centro Storico del Comune di Marino al fine di promuovere la conoscenza, la tutela e la valorizzazione delle attività commerciali e artigianali aventi valore storico, artistico, architettonico ed ambientale, quale testimonianza della storia, dell’arte, della cultura e della tradizione del territorio e di valorizzare l’area del Centro Commerciale Naturale di Marino.
A seguito di un avviso pubblico sono stati concessi contributi per la riqualificazione dei locali aventi status di bottega storica secondo i criteri individuati ai sensi del documento d’intesa per la determinazione dei criteri per l’individuazione dei locali storici di cui alla delibera di giunta regionale n. 723/2005.
Con il presente Avviso il Comune di Marino, intende proseguire nell’opera di riqualificazione delle botteghe storiche e di rivalutare in particolare le cantine e le grotte mediante il sostegno alle imprese nella zona di intervento migliorandone la qualità complessiva; vuole contribuire alla riqualificazione e al rilancio turistico del territorio, rendendo il Centro Storico di Marino più fruibile e vivibile, sia dalla cittadinanza che dai turisti; intende attivare, contestualmente, un’azione migliorativa del decoro urbano complessivo, la sensibilizzazione della collettività residente al valore dell’immagine della città e alla preservazione dei suoi caratteri peculiari.

SCARICA I DOCUMENTI